giovedì 20 maggio 2010

Diabolicamente ineccepibile

...
Piccoloprincipe (provocatorio): "Nonno, oggi a scuola non ho manzato niente!"
Nonno: "Ma... ma oggi a scuola non ci sei andato!"
Piccoloprincipe (trionfante): "... ma se ci fossi andato, non avrei manzato niente."


No, vabbè.

lunedì 10 maggio 2010

Di nuovo in pista

...
Svegliarsi con un pensiero diverso da loro.

Truccarsi, pettinarsi, svecchiare il look quotidiano oscillante tra la massaia tristona e l'adolescente sfigata.

Fare colazione al bar con inusuale e goduriosa lentezza, scegliere il freepress preferito e immergersi nella metropolitana di Roma come fosse l'Oceano Pacifico con tanto di barriera corallina.
Godersi i discorsi della gente, guardarli tutti in faccia per vedere che faccia ha il mondo, origliare pezzi di vita che ha continuato a vivere nonostante la tua assenza.
Camminare sotto il sole buono di maggio, passare davanti a un asilo e fare un pensiero dolce, incrociare una mamma con figlia e realizzare che in questo momento tu sei (anche) altro.
E così sarà per le prossime 6 ore. Per i prossimi mesi. Al ciel piacendo, magari anni.

Oggi torno al lavoro, dopo 9 mesi di assenza.

Varco la soglia dell'ufficio, scavalcando con insolita nonchalance il senso di colpa per due nanipiccoli parcheggiati all'asilo nido.
Sono sorridente, carina, sicura e profumata.

E poi... "Bentornata mammina! Allora, com'è la vita con tre bambini? Racconta-dicci-faccivederefoto!"

Bene così.