martedì 19 febbraio 2013

Pezzi di puzzle

Avete presente un puzzle, no?

Io non li ho mai amati particolarmente, lo ammetto.

Ricordo che, per un S.Valentino di millemila anni fa, io e YY ci regalammo a vicenda due puzzle molto simili (un ragazzo che teneva in braccio un neonato) ed entrambi rimasero tristemente incompiuti.

Ecco, in queste ultime settimane io ho vissuto dentro un puzzle.

C'era il pezzo dello Scricciolo, con quella sua tosse che non si capiva bene perché.

C'era il pezzo del Morbido, con il mal d'orecchio telepatico.

C'era il pezzo di Piccoloprincipe, con la sua festa di compleanno da organizzare, gli amichetti da invitare, l'ansia da essenonvienenessuno che quest'anno si accompagnava beffarda con quella da guardasenonsiammalapropriodomenica.

C'era il pezzo di YY, che ha trovato un lavoro (temporaneo) però su turni, e quindi evviva evviva per il lavoro ma come ci organizziamo, chi li accompagna a scuola, chi li va a prendere, come facciamo con il nuoto, somebody help me.

C'era il pezzo del Carnevale, e perché quest'anno non li mascheriamo abbinati? Che ne so, tre pirati, o tre supereroi, o tre barbapapà, sai che carini. Certo. Abbiamo avuto un Uomo Ragno ("spadamannn!") minimalista - solo la tuta, per carità, niente cappuccio - un pirata riciclato (questo è il quarto anno di onorato servizio) e un - esilarante - Super Mario. Abbinatissimi, eh?

C'era la domanda per la scuola elementare da fare on line quest'anno, però poi i documenti li devi portare in Segreteria. Tempi: 22 giorni per decidere di cimentarmi con la domanda, 10 minuti per compilarla, 3 giorni per decidere di inviarla, e ancora qualche giorno per portare Piccoloprincipe a fare la fototessera. Ma tanto c'è tempo fino al 28 febbraio, no?

E c'ero io, in questo mare di pezzi, pezzi da tutte le parti, un po' a pezzi pure io.

Poi piano piano i pezzi sono andati a posto, lo Scricciolo non ha più la tosse, il Morbido è guarito, la festa era piena di sole e di bambini, i turni ce li siamo aggiustati, i bimbi mascherati hanno fatto ridere tutti. La foto ancora non l'abbiamo fatta però.

Intanto, febbraio è a metà ma sembra quasi finito, io ho ancora quel neo da farmi controllare e aspetto la primavera. Voglio portare i bambini fuori, al sole, tanto tanto spesso, quest'anno.

2 commenti:

franci ha detto...

L'importante è che tutto sia al suo posto adesso ...nel mentre di un puzzle c'è sempre il caos ...

e W il lavoro per YY!!

gemellina ha detto...

Io dico sempre che l'amore è come trovare il pezzetto di puzzle che si incastra alla perfezione con il tuo... nel tuo caso invece l'importante è che alla fine tutti i pezzi abbiano trovato il loro posto!!! un abbraccio