giovedì 1 settembre 2011

Ricomincio dal fucsia(n)

...
Questa cosa che settembre è il vero gennaio la scrivevo qualche post fa, e la ritrovo sparpagliata nei pensieri di molti, blogger e non.
Una trentina di anni di scuola, alla fine, qualcosa mi hanno lasciato: la sensazione che a settembre si ricomincia, altro che gennaio.

E insomma, in questi casi si fanno bilanci e buoni propositi. In genere. Ma anche no.

Però c'è che mi sono comprata questi occhiali nuovi fichissimi, e il fatto di esserne così tanto, ma così tanto orgogliosa mi dà la misura di quanto io sia caduta in basso.

Intanto, non è che mi sono alzata e ho detto: "Orbene, è dal 2006 che non mi controllo la vista; nel frattempo ci sono state 2 gravidanze e 3 allattamenti, forse qualche diottria l'avrò persa. Andare, andare!"
No. Più prosaicamente, in vacanza la sera appoggiavo libro e occhiali sul comodino, e la mattina non sempre mi ricordavo di toglierli dalla nano-portata. E dunque, un giorno ho trovato una stanghetta staccata di netto. Non so quale delle sei manine nei dintorni sia la colpevole, è scesa in camera un'omertà che manco ne "Il Padrino".

E quindi mi riaffaccio dopo un lustro, e non senza vergogna, dal mio ottico di fiducia, e constatiamo con sorpresa che nonostante le vicissitudini degli ultimi 5 anni non sono poi peggiorata granché; ogni tanto il mio corpo mi soprende in positivo.

Finita la fase più prettamente medica - che mi dà sempre una certa ansia da prestazione - sono gaiamente passata a quella estetica.

Venivo da un paio di occhiali in metallo grigetto, rettangolari, un po' alla signorina Rottermaier: mica brutti eh, solo un po' anonimi. E del resto, io sono così, decisamente poco appariscente.

"Un cesso", commenteranno i più maligni.
No dài. Certo, se mi prendi smontata non c'è una singola parte di me che mi piaccia davvero (fronte troppo alta, occhi troppo piccoli, capelli troppo opachi, carnagione troppo pallida, tette troppo nulle, fianchi... ebbasta no!), ma nell'insieme non sarei neanche malaccio. Se non fosse per questa tremenda pigrizia estetica.

Ricordo solo qualche lontana e brevissima fase tardo-adolescenziale, in cui mi truccavo con una certa perizia, mi mettevo addirittura lo smalto e osavo un abbigliamento femminile, direi anche vagamente sexy; poi il nulla, total black per non sbagliare, matita, ombretto e un velo di fard per non sembrare appena evasa dall'obitorio, scarpe più comode che belle e un rinnovo del guardaroba con tempistiche da passaggio di era geologica.

Ma sto divagando.

Gli occhiali fichissimi sono parzialmente a giorno, sempre rettangolari, ma soprattutto con la montatura fucsia (o fucsian, come dice Pp) e coi brillantini persino. Non potete capire quanto sono fashion.

Ora manca solo un passaggio dal parrucchiere (l'ultima volta? mmmmhhhh... battesimo dei Nanipiccoli, settembre - lo vedi? lo vedi? - 2010. ok, dài, insultatemi pure), e poi una pianificazione seria. Ma seria davvero: rivoluzione parco abiti (giuro che al prossimo cambio di stagione butto un sacco di roba), raffinamento pochette dei trucchi, una manciata di minuti al giorno per la scelta degli accessori, parrucco con frequenza consona per non ritrovarmi con questo cespuglio informe color pantegana del Tevere, e anche qualche puntatina dall'estetista.

Voglio prenotare un piedi-mani-viso senza pensare che sia quella strana malattia esantematica che ancora non abbiamo preso.

E beh, lo so, come buon proposito di inizio anno scolastico è un po' (tanto) frivolo, ma porta in germe qualcosa di più: ovvero ME, il bisogno di volermi più bene, la voglia di rimettermi, se non proprio al centro del mio mondo (che lì è già occupato da un sacco di persone basse), almeno DENTRO LA CIRCONFERENZA.




3 commenti:

Slela ha detto...

Anch'io ho gli occhialini alla Rottermaier!
Ma io li adoro, non potrei passare a una montatura di silicone.
Metallo forever!
Faccio il tifo per te.
La mia estetista non mi vede dal giorno del mio matrimonio...

gemini ha detto...

... ma pure io ho mantenuto il metallo :-)

ho provato anche quelli in celluloide ma "nun je la posso fa'", non sono ancora così oltre!

Anonimo ha detto...

... una tua fan approva e sostiene questo cambiamento :))